Cosa sono i prestiti FAF?

I finanziamenti FAF (Fondo di Assistenza ai Finanzieri) sono rivolti ai dipendenti della Guardia di Finanza. Il denaro ottenuto con questo metodo è esente da vincoli, e il richiedente può spenderlo come meglio crede. Tale concessione è disciplinata dal DPR del 5 gennaio del 1950, e permette ai beneficiari di ottenere delle piccole somme da restituire secondo modalità vantaggiose e poco dispendiose.

Per riuscire a ottenere tale finanziamento però non basta solo entrare nelle fiamme gialle. Infatti il richiedente deve rispondere a dei requisiti fondamentali, tra cui l’essere iscritto al Fondo di previdenza – che funge da prestatore in questo caso, e mette a disposizione il capitale per il prestito – nella posizione di servizio permanente effettivo (il cosiddetto Spe). Sarà proprio l’anzianità dell’iscrizione del richiedente a determinare i dettagli del prestito. L’importo ottenibile e il numero delle rate mensili infatti dipendono proprio da questo, e sono stabiliti mediante calcoli meticolosi. Per esempio con un’anzianità è pari a 5 anni possiamo ottenere 1.948,25 euro, da rendere in 12 mesi saldando rate pari a 166 euro. In questo caso il tasso fisso è del 3,50 %, e verrà applicata una ritenuta sul fondo di garanzia pari allo 0,30 %.

TAN e TAEG, come già accennato, sono più bassi e convenienti rispetto a un tradizionale finanziamento. Di solito il valore del TAEG non supera il 4 %, soglia davvero molto bassa rispetto alla media di mercato. Per questo tipo di prestito viene utilizzato il metodo francese, ovvero gli interessi tendono a scalare con il tempo. Questo significa che le prime rate dovute servono a saldare le commissioni e le spese – ovvero gli interessi – mentre verso la fine del risarcimento potremo restituire al prestatore la quota capitale effettiva – cioè la somma che abbiamo percepito.

La richiesta deve essere compilata dal beneficiario, che dovrà consegnarla poi al Comando Generale della Guardia di Finanza – completa di tutti i documenti necessari. Dobbiamo prestare molta attenzione a questa fase: una richiesta incompleta o errata potrebbe precluderci la possibilità di vederci accordato il finanziamento.

Per saperne di più in merito, o valutare altre opzioni di piccoli prestiti, sarà bene connettersi al sito internet Piccoliprestitisulweb.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *