CategorySenza categoria

Conto corrente e sicurezza

Depositare i nostri risparmi su un conto corrente bancario o postale è il modo più sicuro di tenere i soldi, secondo quanto affermato sul sito Migliorecontocorrente.it. Tuttavia anche questo metodo prevede dei rischi, e dobbiamo fare molta attenzione alle truffe di chi vuole entrare in possesso del nostro gruzzoletto. Non è raro infatti cadere in una delle tante truffe ai danni delle nostre finanze, soprattutto se il nostro conto corrente è online. Per evitare di trovarci al verde dovremo badare a poche e piccole accortezze, che ci permetteranno di disporre del nostro denaro in maniera sicura e controllata.

La prima cosa da fare è quella di custodire al meglio tutti i codici di accesso al conto, così come le nostre carte collegate a questo. Per farlo sarà necessario metterle in un luogo sicuro, ed evitare di scrivere il pin

Ristrutturazione casa con la cessione del quinto

La cessione del quinto è un finanziamento molto conveniente per il beneficiario, e si può ottenere anche in caso di protesti o segnalazioni al registro Crif. Questo patto prevede che il richiedente sia un lavoratore dipendente (pubblico, privato, statale o parapubblico) con contratto a tempo indeterminato (o comunque a lunga scadenza). Sottoscrivendo una cessione del quinto possiamo ottenere anche cifre consistenti, che restituiremo in comode rate mensili – del valore massimo pari al 20 % dello stipendio al netto percepito dal debitore. Si può decidere di richiederne una per svariati motivi, e in questo articolo vedremo come ottenere una cessione del quinto per ristrutturare la casa. Per un discorso più generale sulla cessione del quinto e i suoi vantaggi caratteristiche possiamo visitare il portale dedicato.

Se abbiamo bisogno di ristrutturare un ambiente della casa, o vogliamo eseguire migliorie e

Cosa sono i prestiti FAF?

I finanziamenti FAF (Fondo di Assistenza ai Finanzieri) sono rivolti ai dipendenti della Guardia di Finanza. Il denaro ottenuto con questo metodo è esente da vincoli, e il richiedente può spenderlo come meglio crede. Tale concessione è disciplinata dal DPR del 5 gennaio del 1950, e permette ai beneficiari di ottenere delle piccole somme da restituire secondo modalità vantaggiose e poco dispendiose.

Per riuscire a ottenere tale finanziamento però non basta solo entrare nelle fiamme gialle. Infatti il richiedente deve rispondere a dei requisiti fondamentali, tra cui l’essere iscritto al Fondo di previdenza – che funge da prestatore in questo caso, e mette a disposizione il capitale per il prestito – nella posizione di servizio permanente effettivo (il cosiddetto Spe). Sarà proprio l’anzianità dell’iscrizione del richiedente a determinare i dettagli del prestito. L’importo ottenibile e il numero delle rate mensili

Mutuo con CAP

Una delle prime cose da valutare prima di sottoscrivere un mutuo è la natura del tasso di interesse che vogliamo scegliere. Ci sono infatti dei mutui a tasso fisso e a tasso variabile. Nel primo caso dovremo pagare alla banca degli interessi costanti, il cui valore è stabilito durante la fase colloquiale. Di solito per fissare la percentuale degli interessi si prende come modello il tasso vigente al momento della firma del contratto. Se decidiamo invece di optare per un tasso variabile non sapremo mai con certezza a quanto ammonta il totale dei costi previsti per gli interessi – non prima di aver estinto il debito – ma sarebbe la scelta perfetta in un periodo di crisi economica. Il tasso infatti tende a variare, e periodicamente la finanziaria cambierà anche il tasso di interesse applicato al nostro mutuo. Entrambe le

Mini prestiti per protestati

I protestati e i cattivi pagatori, sebbene si trovano in una situazione delicata finanziariamente parlando, possono avere comunque delle chance di ricevere dei soldi extra da banche e finanziarie. Chiedendo per esempio una piccola somma di denaro, anche questi individui potranno accedere a un mini finanziamento. Di seguito vedremo in cosa consistono questa sorta di prestiti, analizzandone le caratteristiche principali, per garantire al lettore una conoscenza approfondita dell’argomento. Se invece vogliamo vagliare altre alternative studiate appositamente per i protestati e i cattivi pagatori possiamo consultare il sito internet precedente.

Con un mini prestito si possono ottenere cifre molto basse, solitamente da un minimo di 500 euro fino al massimo di 5.000 euro. La restituzione avviene in un lasso di tempo compreso tra i 12 e i 48 mesi, e viene calcolato in base all’importo esatto elargito dalla banca e tenendo

Cos’è il prestito indpap?

Tra le tante tipologie di prestiti bancarie esistenti è presente anche il prestito indpap. Il prestito indpap -Istituto nazionale di previdenza e assistenza per i dipendenti – è anche conosciuto come prestito inps. E’ una tipologia di finanziamento che appartiene di fatto allo stato e si esercita sotto direttiva statale.

Il prestito indpap rappresenta un’opzione esclusiva ed agevolata. E’ un prestito infatti riservato a chiunque percepisca un reddito mensile dallo stato, e quindi aperto unicamente a dipendenti statali e pensionati. Anche questa seconda categoria, dunque, può accedere al prestito indpap.

Il prestito indpap o inps permette a chiunque sia dipendente dello stato di poter accedere periodicamente a offerte di prestito a interessi meno alti e quindi più convenienti. L’offerta, però, si verifica solo nel caso in cui dal bilancio annuale si ricavi più del previsto, ed è quindi relegata all’annata

SPIEGHIAMO IL PRESTITO FINALIZZATO

Esistono varie tipologie di prestito che si adattano alla finalità ultima della concessione finanziaria. La natura del prestito infatti cambia a seconda dell’utilità per la quale vengono chiesti dei fondi. Quando si contrae un prestito per poter coprire le spese di un dato bene o un dato servizio in particolare, si può quindi perseguire il prestito finalizzato.

Il prestito finalizzato è una tipologia di finanziamento che si utilizza quando i soldi che vengono prestati, saranno utilizzati per coprire una falla economica già decisa in precedenza. Un istituto bancario che concede un prestito finalizzato, infatti, solitamente versa il finanziamento direttamente nelle cassedel terzo player, e non del soggetto richiedente.

Il prestito finalizzato è dunque una manovra finanziaria che può aiutare e quindi tornare utile a una famiglia o a un nucleo famigliare di grandi dimensioni, che necessità di ristrutturare casa o

Come ottenere il migliore preventivo per i prestiti

Ottenere un prestito non è sempre facile e non tutte le richieste di finanziamento vengono sempre accolte dagli istituti bancari che dunque decidono, in base a diversi fattori, la convenienza, caso per caso, di elargire un finanziamento.

Il prestito bancario è una manovra finanziaria di cui c’è grande richiesta nel mondo. E’ infatti un’operazione fondamentale per un soggetto privato o un’azienda che vuole finanziare un progetto futuro. Che ci sia infatti bisogno di ristruttura le propria abitazione, comprare un automobile nuova o un mezzo aziendale, oppure investire un ingente quantità economica in un una nuova opportunità lavorativa, il finanziamento bancario può essere la soluzione più adatta a diverse situazioni.

Prima di valutare un’operazione di prestito bancario, però, la prima cosa da fare è poter disporre di un preventivo. Il preventivo permette di poter conoscere la spesa di restituzione economica alla